Che Toshiba non stia attraversando il periodo più bello della propria storia non è certo un novità, già da qualche anno il produttore ha perso colpi, complice la crisi e forse anche alcune scelte di marketing non proprio azzeccate. Dopo le brutte notizie dello scorso mese di Dicembre, quando il colosso giapponese annunciava un taglio di 7000 posti di lavoro, si pensava che il 2016 potesse portare un miglioramento o comunque una qualche stabilitità.

Purtroppo questo non sta avvenendo, anzi il 2016 non sembra essere nato sotto una buona stella. Secondo quanto riporta il sito asia.nikkei.com, l’azienda ha pianificato di tagliare ben 14000 posti, il doppio quindi di quanto annunciato prima delle festività natalizie.

La maggior parte dei licenziamenti arriverà dalla divisione “LifeStyle” (riguarda PC e prodotti di consumo), dove il taglio sarà di ben 7610 posti; altri 4590 posti verranno tagliati dal settore semiconduttori, mentre 3449 impiegati hanno accettato il prepensionamento.

Toshiba conta oltre 198000 dipendenti in tutto il globo, tuttavia il taglio è a dir poco catastrofico e come sempre toccherà pagare ai dipendenti.