Articoli con tag video

HTC avrebbe ingaggiato Robert Downey Jr. per 2 anni come sponsor del suo marchio

iron-man-3-tony-stark-robert-downey-jr

Si dice spesso (e lo ammette lei stessa) che l’impegno promozionale di HTC sia assai inferiore a quello di, tanto per dirne una, Samsung. Se quanto riportato daBloomberg corrispondesse però al vero, la società taiwanese si sarebbe appena assicurata un supporter di lusso: l’acclamatissimo Robert Downey Jr., che da Iron Man in poi ha conosciuto una seconda giovinezza mediatica.

L’attore sarebbe stato reclutato per una campagna globale di due anni del valore complessivo di 12 milioni di dollari, che comprende spot televisivi, e anche la più classica carta stampata. In essi Robert figurerà come sé stesso, non come Iron Man o Sherlock Holmes (ulteriori diritti sarebbero stati senz’altro necessari, facendo lievitare il costo dell’accordo), e pare anche che avrà diritto di veto sugli elementi che compariranno nella pubblicità.

L’investimento con Mr. Downey Jr. è sostanzioso, ma necessario (non tanto per l’attore in sé, non ce ne voglia, quanto in termini generali), e certo è che dopo i segnali di “naufragio” di poco tempo fa, HTC sembra ora navigare in acque più tranquille: il suo CEO, la cui posizione appariva in bilico, si dice sereno, le vendite di One vanno bene, e la crisi non è passata ma quantomeno appare meno irrimediabile. Nuovi e interessanti modelli sono già arrivati, e altri arriveranno; insomma: speriamo bene!

Parlando di pubblicità, vi lasciamo con gli ultimi spot di HTC, recentemente tradotti nella nostra lingua, e che forse vi sarà capitato di vedere in TV.

(altro…)

Playjam ci mostra come viene prodotto GameStick

gamestick

A dispetto dei suoi ritardi, Playjam mostra l’orgoglio che nutre per il suo GameStick pubblicando un video con il “backstage” della produzione della console. Ci avventuriamo così nella fabbrica dove viene prodotto il pad-pennina con Android, che tra poco più di un mese sarà pronto per il debutto col grande pubblico.

Non scopriamo nulla di nuovo, e il filmato assomiglia molto ad altri analoghi rilasciati nel corso del tempo dai vari produttori, ma chi siamo noi per snobbare Playjam? Se avete voglia e tempo (solo tre minuti), il video vi attende dopo lo stacco.

HALO diventa open source

Paranoid Android annuncia con orgoglio che HALO è finalmente diventato un progetto open source . Ci sono ancora dei problemi che mantengono ancora il progetto in sviluppo attivo, ma niente che comprometta l’autonomia o le performance generali. Sono stati comunque apportati molti cambiamenti anche alla ROM in generale, ovvero:

  • HALO ha ora una white & blacklists. Blacklists evita che le app usino HALO. Whitelists fa quasi la stessa cosa solo che permette di usarlo se esplicitamente autorizzato
  • Tutto è silenziato
  • Lo scarto delle notifiche è stato migliorato
  • Gli sfondi di Paranoid sono stati tolti dalla ROM e sono ora disponibili per tutti su Play Store
  • DCHSPA inserito al posto giusto
  • Quick unlock
  • Sistemato un bug di PIE
  • Aggiornate le finestre della luminosità
  • Cambiato il layout di data/orario nella statusbar
  • Aggiunta l’opzione per usare il bilanciere del volume per controllare il volume multimediale sempre
  • Il launcher non deve essere riavviato all’uscita/ingresso dal fullscreen (niente più effetto nero)
  • GooManager è stato eliminato e sarà presto rimpiazzato con una nuova soluzione sviluppata in proprio

E dopo tutte queste novità, non ci resta che lasciarvi il lungo video di presentazione di HALO e fare i complimenti a Paranoid Android per la sua crescente popolarità che di certo il progetto HALO ha contribuito a far aumentare.

I progressi di Ubuntu Phone illustrati in video su Galaxy Nexus

ubuntu phone

Jono Bacon, Ubuntu Community Manager, ha preso 10 minuti del suo tempo e li ha dedicati alla realizzazione di un video altrettanto lungo per illustrarci lo stato attuale del progetto Ubuntu Phone.

Si parlava di una versione pronta per l’uso quotidiano mesi fa, e sebbene le cose siano migliorate, forse non siamo ancora a quel punto, anche se il paragone con un sistema maturo come Android sarebbe ingrato e fuorviante a prescindere. Il tour che ci propone Bacon è comunque interessante, soprattutto se non avete voglia di provare un giro in prima persona con l’OS.

Avremo infatti modo di osservare l’interfaccia telefonica e quella per gli SMS, e l’interessante implementazione del multitasking. Non poteva mancare lanavigazione in internet, e gli amanti dei social saranno senz’altro soddisfatti dall’ottima integrazione direttamente nel sistema di Twitter e Facebook.

Tutto sommato Ubuntu Phone continua a rivelarsi accattivante, ma senz’altro ancora acerbo, tanto che il lag presente occasionalmente sul telefono è dovuto al fatto che ancora non è stato fatto alcun tipo di ottimizzazione, concentrandosi invece più sulle funzionalità. A voi il video, e il giudizio in merito.

  • Categorie

  • Pubblicità

  • Top Categorie

    • Selezione categoria
Torna all'inizio