Articoli con tag ubuntu phone

I progressi di Ubuntu Phone illustrati in video su Galaxy Nexus

ubuntu phone

Jono Bacon, Ubuntu Community Manager, ha preso 10 minuti del suo tempo e li ha dedicati alla realizzazione di un video altrettanto lungo per illustrarci lo stato attuale del progetto Ubuntu Phone.

Si parlava di una versione pronta per l’uso quotidiano mesi fa, e sebbene le cose siano migliorate, forse non siamo ancora a quel punto, anche se il paragone con un sistema maturo come Android sarebbe ingrato e fuorviante a prescindere. Il tour che ci propone Bacon è comunque interessante, soprattutto se non avete voglia di provare un giro in prima persona con l’OS.

Avremo infatti modo di osservare l’interfaccia telefonica e quella per gli SMS, e l’interessante implementazione del multitasking. Non poteva mancare lanavigazione in internet, e gli amanti dei social saranno senz’altro soddisfatti dall’ottima integrazione direttamente nel sistema di Twitter e Facebook.

Tutto sommato Ubuntu Phone continua a rivelarsi accattivante, ma senz’altro ancora acerbo, tanto che il lag presente occasionalmente sul telefono è dovuto al fatto che ancora non è stato fatto alcun tipo di ottimizzazione, concentrandosi invece più sulle funzionalità. A voi il video, e il giudizio in merito.

Ubuntu per Android è tutt’altro che defunto

ubuntu per Android

Con la pubblicazione di Ubuntu Phone lo scorso febbraio le cose si sono forse fatte un po’ confuse in casa Canonical, con il precedente progetto, Ubuntu per Android, apparentemente sospeso a metà tra il nuovo OS touch e qualcosa di un po’ diverso.

Se da un lato infatti quest’anno Ubuntu ha introdotto un nuovo sistema operativo per dispositivi mobili, che solo nei modelli più performanti potrà in futuro utilizzare la così detta desktop convergence, ovvero la possibilità di “trasformarsi” in un OS Desktop collegando il telefono a tastiera, mouse e monitor, dall’altra Ubuntu per Android era e rimane qualcosa di diverso. Quest’ultimo progetto infatti non vuole rimpiazzare Android come sistema operativo, ma convivere al suo fianco: i due OS condividono infatti lo stesso kernel e sono eseguiti in concorrenza, in modo che quando colleghiamo il telefono ad una dock questo possa diventare in pratica un sistema Desktop, con accesso anche alle app del robottino, mentre quando siamo in mobilità avremo il nostro tradizionale Android a tenerci compagnia.

Ubuntu per Android è un progetto che cerca di conciliare il meglio dei due mondi, e al quale ammettiamo di guardare con particolare interesse, anche se ormai è passato più di un anno da quando l’abbiamo visto al MWC 2012 (video a fine articolo) e tutta l’attenzione adesso sembra calamitata dal Ubuntu Phone. Per questo ci fa piacere sentire qualche parola rassicurante in merito, giunta per bocca di Jono Bacon, Ubuntu community manager, che Ubuntu per Android non solo è vivo e vegeto, ma il suo sviluppo prosegue attivamente, parallelamente a quello della versione touch dell’OS.

Questo non ci dà alcuna tempistica in merito ad eventuali novità al suo riguardo, ma del resto ci siamo anche un po’ abituati ai tempi piuttosto lunghi di Canonical, e ci basta già sapere che il progetto non è stato accantonato.

I primi smartphone Ubuntu non avranno app store e arriveranno a inizio 2014

ubuntu-phones-640x301

Con l’approssimarsi della prima versione di Ubuntu Phone per Galaxy Nexus, continua a rimanere alta l’attenzione sul primo OS mobile di Canonical, ma quand’è che vedremo i primi veri dispositivi con il nuovo sistema operativo e non solo dei porting sui modelli Android? Non ci sono ancora date esatte in merito, sebbene si parli dell’inizio del prossimo anno, anche se forse è comunque il caso di frenare un po’ l’entusiasmo, perché a quanto pare i primi smartphone con Ubuntu Phone punteranno all’essenziale e avranno solo software preinstallato, senza alcuno store, almeno stando a quanto riportato da Richard Collins, product manager di Canonical:

Riguardo la strategia dei nostri primi prodotti sul mercato, l’intenzione non è di avere uno store di applicazioni pieno di app pronte da essere scaricate. Abbiamo un approccio molto preciso sul modo in cui avvicinarci ad una parte molto importante del mercato nella quale gli utenti sono principalmente interessati ad essere in grado di utilizzare una serie di applicazioni di base.

Ciò non significa che dopo il lancio non giungerà uno store di terze parti, senza contare il fatto che le app per Ubuntu Desktop dovrebbero essere portate piuttosto facilmente sulla controparte mobile, semplicemente questo non rappresenta una priorità immediata per Canonical. L’azienda risponde così a chi fosse stato scettico a causa dell’ampio vantaggio che Android e iOS hanno in termini di applicazioni, dicendo che in pratica non le importa, almeno non in prima battuta. Può sembrare una mossa folle, ma considerando lo svantaggio accumulato, può invece avere senso dedicarsi alle “core app“, senza pretendere di recuperare da subito il terreno perduto: certo, tutto dipende anche dalla qualità di queste applicazioni fondamentali.

E i modelli più performanti, quelli cioè capaci di utilizzare la Desktop Convergence(ovvero essere collegati a schermo e tastiera per essere utilizzati come un Desktop Ubuntu)? Arriveranno poco dopo questi primi entry-level:

Abbiamo in mente di far seguire molto rapidamente al nostro lancio iniziale [di un dispositivo Ubuntu-only] quello di dispositivi convergenti, che avranno componenti di sistema ad alte prestazioni che permetteranno a Ubuntu di girare come un OD desktop quando il telefono è alloggiato in una dock.

Inutile dire che se per i primi modelli dovremo aspettare l’inizio del 2014, per questi secondi potrebbero volerci ulteriori mesi d’attesa, anche se c’è sempre la possibilità che l’OS venga rilasciato in anticipo per altri smartphone, un po’ come sta per accadere con il Galaxy Nexus. E poi non dimentichiamoci di Ubuntu per Android, per il quale “potremmo non dover attendere a lungo”. Parola di Richard Collins.

In chiusura sottolineiamo un fatto sul quale non vorremmo nascessero equivoci: le applicazioni per Android non sono compatibili con Ubuntu Phone, né Canonical ha intenzione di lanciarsi in emulatori o similia.

Vogliamo incoraggiare gli sviluppatori Android a far girare le loro app su Ubuntu, ma non creeremo alcun middleware per far funzionare le app Android. Gli sviluppatori sono abbastanza intelligenti e capaci da far girare le loro app sui nostri dispositivi. Ci stiamo muovendo direttamente per aiutarli nel farlo.

Un primo video di Ubuntu OS su Galaxy Nexus

ubuntu phone

Ubuntu è il sistema operativo del momento, data la sua recente presentazione e l’obiettivo molto ambizioso di un solo OS per smartphone, tablet, PC e TV; purtroppo però Ubuntu non è ancora pronto, tanto che durante questo CES a nessuno è stato consentito di provarlo se non nelle mani degli ingegneri di Canonical (i problemi sono evidenti nel video, in cui alcune volte persino il touch sembra non rispondere a dovere).

Ieri vi abbiamo annunciato che la prima build per sviluppatori sarà resa disponibileper Galaxy Nexus a partire dalla fine di febbraio, anche se la versione completa non la vedremo prima del 2014, un arco di tempo considerevole quando parliamo di smartphone (basti pensare che se accadrà come l’anno scorso avremo altre due versioni di Android prima del rilascio ufficiale di Ubuntu). Ma ora bando alla ciance e vediamo subito un hands on su Galaxy Nexus del nuovo sistema operativo di Canonical:

 

  • Categorie

  • Pubblicità

  • Top Categorie

    • Selezione categoria
Torna all'inizio