Articoli con tag software Android

Un informatore affidabile conferma il nuovo Gmail che dovrebbe arrivare a breve

gmail

Gmail è uno dei prodotti chiave di Google, e sembra proprio che così come Maps, anche il famoso servizio di posta elettronica di Big G sia pronto a subire unimportante aggiornamento, del quale vi abbiamo dato notizia pochi giorni fa.

Abbiamo subito ritenuto verosimile la notizia e oggi possiamo aggiungere una ulteriore conferma: l’utente Ryan_Socio che spesso scrive sul forum di The Verge (più di una volta ci ha rivelato indiscrezioni rivelatesi reali) ha rivelato che le immagini sono reali. Gmail sarà dunque diviso in cinque sezioni (Primary, Social, Promotions, Updates e Forums), e penserà autonomamente a filtrare la vostra casella mail.

Confermata anche l’app per Android che adotterà anch’essa una sidebar: Ryan afferma che uno swype dalla sinistra servirà per richiamarla, ma resterà attivo anche lo swype per archiviare/eliminare i messaggi (in fondo anche Google Earth gestisce due diversi comportamenti per lo swype orizzontale). La nuova versione arriverà prestissimo, tanto che alcuni utenti potrebbero già avercela, ma ci aspettiamo comunque un annuncio ufficiale da parte di Google per un cambiamento tanto importante.

A seguire vi riportiamo ancora una volta gli screenshot della versione web e mobile (a sinistra Android, a destra iOs) di quello che quasi sicuramente sarà il nuovo Gmail:

 

DevAppsDirect, l’app che tutti gli sviluppatori vorrebbero

Screenshot_2013-05-10-08-40-33

Quasi due mesi fa vi avevamo parlato di un curioso portale, chiamato Android Views, che raccoglie tutta una serie di librerie per migliorare graficamente o aggiungere nuove funzionalità alle nostre applicazioni e oggi abbiamo deciso di presentarvi la sua controparte Android: DevAppsDirect Beta.

Grazie a questo piccolo software, potremo infatti testare tutte le librerie senza doverci preoccupare di installarne il sample o crearcene uno, dovremo solamente scaricare il feed e provarlo nell’installer virtuale, senza andare a sporcare la memoria del nostro dispositivo.

L’app funziona come un vero e proprio lettore di feed RSS (il suo funzionamento è proprio quello) e ci dovrebbe segnalare di volta in volta le nuove librerie scoperte dal team di sviluppo.

Se siete in cerca di un metodo comodo per scoprire e provare nuovi pacchetti per le vostre creazioni,DevAppsDirect  la trovate gratuitamente sul Play Store.

 

Da XDA una nuova utility per le statistiche sul consumo di batteria

Screenshot3[1]

Per buona parte degli utenti Android, gli strumenti di statistica stock sul consumo della batteria sono sufficienti a capire come comportarsi per limitarne l’uso eccessivo ed arrivare a sera. Per chi invece ha bisogno di qualche dato in più, arriva da XDA un nuovo e potente tool: Battery Test Utility.

Sviluppato dall’utente jacksparao, l’applicazione permette di far girare diversi test su qualsiasi dispositivo Android, che calcolano una serie di informazioni riguardanti la batteria ed il modo in cui risponde alla riproduzione audio/video, così come alla navigazione sul browser.

Presentata con un’interfaccia Holo, l’applicazione è molto semplice da utilizzare: è sufficiente selezionare il tipo di test (audio, video o browser), regolare le impostazioni come luminosità, tipo di file video o audio o ancora i siti che si desiderano visitare, per poi ottenere una serie di risultati molto specifici che potrebbero portarci a capire, ad esempio, perché un album della propria playlist consuma più batteria rispetto ad un altro, o perché il sito di AW consuma meno batteria rispetto ad altri (voci non confermate dicono che ricarichi anche il telefono!).

In conclusione un ottimo strumento dedicato ai tweaker più esigenti, scaricabile gratuitamente dal Google Play Store e compatibile con tutti i dispositivi con a bordo Android 2.2 o superiore. Unico grosso neo: l’app richiede occupa ben 118 MB. Chi volesse approfondire può consultare il relativo thread su XDA. Fateci sapere le vostre impressioni.

 

I “capricci” di Sound Search e quelli di Google Now

google now sound search

Abbiamo tutti capito (o almeno è quello che ci auguriamo) che Google sta lavorando per espandere i propri servizi, e gli up & down di Google Now sono lì a testimoniarlo. La stessa cosa in effetti vale per Sound Search, che dalla scorsa settimana ha iniziato ad essere disponibile in Italia. Per quest’ultimo in particolareil discorso è molto frammentario: i Nexus che avevano già il widget “dormiente” al loro interno non sembrano avere problemi (ma ci è comunque capitato di avere dei Nexus senza Sound Search), mentre gli altri dispositivi ancora brancolano nel buio, e la corrispondente pagina del Play Store non sembra di grande aiuto. Se dunque avete fame di “ricerca sonora”, potete provare a sfruttare Google Now al posto di Sound Search, ma non aspettatevi un risultato garantito nemmeno in questo caso.

Come vedete dall’immagine di apertura, facendo partire il riconoscimento vocale di Google Now mentre state ascoltando una canzone, dovrebbe comparire in bassouna nota azzurra: cliccateci sopra e il vostro dispositivo inizierà la fase di riconoscimento musicale e alla fine vi proporrà una card con l’artista in questione e il prezzo per l’acquisto del brano su Google Play Music, al quale sarete rediretti. Funziona? Sì. Sempre? No. Con quali dispositivi? Ora volete sapere troppo! La presenza di Sound Search installato ci sembra favorire la cosa, ma non dovrebbe essere un pre-requisito. L’unico modo è provare e vedere come vanno le cose sul vostro modello. Tra l’altro non stupitevi se ricercando lo stesso brano più volte avrete risultati diversi: capita soprattutto nel caso di canzoni, per lo più di vecchia data, contenute in raccolte.

A proposito di Sound Search: se avete la fortuna di averlo installato, l’avete già provato come widget nel lock screen? Funziona egregiamente e soprattutto non dovrete neanche sbloccare il telefono.

Screenshot_2013-05-07-12-36-32

  • Categorie

  • Pubblicità

  • Top Categorie

    • Selezione categoria
Torna all'inizio