Articoli con tag rumor

LG sarebbe al lavoro su uno smartphone con comandi vocali perennemente attivi

lg booth

L’interazione vocale con gli smartphone, da Siri a Google Now in giù, ha conosciuto senz’altro un discreto successo in questi ultimi anni, ma in realtà l’utilizzo che ne facciamo è ancora molto limitato: in parole povere non siamo in grado di controllare del tutto il nostro telefono tramite la voce, ma anche questo limite potrebbe presto essere superato.

Stiamo al momento parlando di una mera ipotesi, riportata dalle solite anonime fonti, che affermano che LG sarebbe al lavoro su uno smartphone con comandi vocali always-on, in grado di interpretare la nostra voce per navigare nella UI di Android. In uno degli esempi fatti è possibile spostare la visuale di Google Maps, zoomando anche sul punto che ci interessa, semplicemente dicendo al telefono di farlo, il che di per sé è già ben più di quanto faccia Google Now, che al massimo ci permette di lanciare applicazioni o pubblicare qualcosa su Google+, quando va bene.

E se pensate che una simile tecnologia sia un po’ troppo avanzata, sappiate che lo Snapdragon 800 supporta proprio l’attivazione vocale always-on (vedi comunicato stampa dopo lo stacco): questo non significa che nel giro di pochi mesi non avremo più bisogno di un pannello touch (si parla comunque del 2014), ma che comunque la tecnologia per poterlo fare non è poi così lontana. Il giudizio sulla sua effettiva implementazione è ovviamente rimandato al (prossimo) futuro.

 

Snapdragon™ wakes up the mobile world with Snapdragon Voice Activation

Having raised the bar for mobile processor features and efficiency, Snapdragon 800 processors are our proudest achievement to date. And at CES, Paul revealed some of the unique new features Snapdragon 800 processors will come loaded with, including IZat location technology, UltraHD video and quad Krait 400 cores at up to 2.3 GHz each.

That said, we’re always keen to save a few surprises for later. If you’re wondering what more we could add to the Snapdragon 800 package, we’ve got two words for you: “Voice Activation”

Today, we’re pleased to introduce Snapdragon Voice Activation, the world’s first integrated always-on, low-power listening feature. Snapdragon Voice Activation, a new addition to the Qualcomm Fluence™ PRO suite of integrated audio solutions, enables devices powered by Snapdragon 800 processors to be “woken up” by a custom voice command (beginning with a custom phrase set by the device OEM like “Hey Snapdragon”, for example) and respond without even a single key press. After recognizing a custom word or phrase, Voice Activation wakes the Snapdragon-based device, even if it had been in standby or airplane mode, and connects to the OEM’s/HLOS voice natural user interface.

Snapdragon Voice Activation is designed to be a low-power and secure solution. It enables devices to use the least amount of power possible to listen only for the custom word set by the OEM and spoken by only the voice of the device owner, enabling both a secure and power efficient solution for users.

All of this is made possible through the advanced, tightly integrated hardware and software in Snapdragon 800 processors. And with over 55 Snapdragon 800-powered devices already in development, smartphones and tablets everywhere will be waking up to their owners’ command when they are available in the second half of 2013. We’ve long promoted the idea of mobile devices evolving into a digital sixth sense, and today, more than ever, we are seeing these big ideas become reality.

Sony i1 Honami appare nella foto più sfocata di sempre (ma con specifiche da capogiro)

honami-1

Siamo stati molto in dubbio se pubblicare o meno questa notizia, perché per quanto ne sappiamo quello qui sopra potrebbe essere qualsiasi cosa: un taccuino, ad esempio, o forse uno smartphone inedito di un produttore cambogiano, ma esiste anche la remota possibilità che sia il futuro Sony i1, ovvero il primo smartphone con ottiche Cyber-shot del produttore nipponico (speriamo vivamente che a catturare questa foto non sia stato lo stesso i1, o iniziamo bene!)

Vero è che è passato ormai più di un mese dall’ultima volta che abbiamo parlato di questo modello, e ora che l’attenzione è tutta focalizzata su Xperia ZU non vorremmo che vi dimenticaste di lui, anche perché il quadro tecnico fin qui trapelato è piuttosto impressionante. Sony i1 appartiene infatti alla “razza” deicamera phone, che hanno di recente conosciuto un’inedita interpretazione con ilGalaxy S4 Zoom, e che sembrano sempre più di moda anche presso la concorrenza (leggi Nokia PureView/EOS); la differenza è che questo modello vuole eccellere non solo in ambito fotografico, ma anche in tutto il resto:

  • Display: 5 pollici full HD Triluminos, OptiContrast, X-Reality Engine, 2000:1 + Contrast Ratio con vetro più resistente del Dragontrail di Xperia Z
  • CPU: Snapdragon 800 MSM8974 a 2,3 GHz
  • RAM: 2 GB
  • Memoria interna: 32 GB con microSD
  • Fotocamera posteriore: 2/3″ 20/13 megapixel Exmor RS con Sony G lens, Cybershot UI, pulsante dedicato, lenti intercambiabili, dual LED Xenon, processore dìimmagine Mobile BIONZ
  • Fotocamera anteriore: 2,2 megapixel Exmor R con registrazione video a 1080p
  • Audio: doppio speaker stereo con S-Master MX Mobile Audio Amplifier
  • Connessioni: NFC, One Touch Sharing, Miracast, BlueTooth 4.0, LTE, infrarossi
  • Batteria: 3.000 mAh
  • Materiali: vetro e metallo/fibra di carbonio
  • Certificazioni: IP 55/58 senza copertura per il jack audio
  • OS: Android 4.2.2

Due cose sole sono da aggiungere a questo quadro: la prima e che ci scusiamo per eventuali mandibole slogate, la seconda è di prendere comunque tutto col legittimo beneficio del dubbio. Se infatti in linea di massima sono specifiche molto elevate, con una grande attenzione al dettaglio, ma comunque plausibili per un modello nei prossimi mesi, in campo fotografico siamo abbastanza fuori parametro, addirittura con lenti intercambiabili, mai viste prima in uno smartphone.

Restiamo quindi in scettica attesa, ma in ogni caso se questo è un antipasto della seconda metà del 2013, si promettono scintille ben più che nella prima.

Ecco le presunte caratteristiche di un futuro phablet di HTC

HTC_T6

Le voci circa uno “One più grande” si sono fatte più insistenti negli ultimi giorni, ma secondo alcuni HTC sarebbe stata semplicemente al lavoro su una riedizione di One con display a diagonale maggiore. Il solito @evleaks invece dice la sua in merito, e spariglia le carte in tavola, snocciolando le caratteristiche dell’ennesimo dream-phone.

Se nelle prima metà del 2013 il punto di riferimento è stato lo Snapdragon 600, nella seconda metà dell’anno sarà lo Snapdragon 800 e quindi eccolo qui, a bordo di uno smartphone da ben 5,9” full HD, che a quanto pare avrà buona compagnia grazie al Note III di Samsung e al Togari di Sony.

Il resto delle specifiche le potete vedere qui sopra, e per quanto elevate non sono “stellari”: 2 GB di RAM e 16 GB di storage sono infatti valori ormai comuni per un top di gamma, mentre la batteria da 3.300 mAh è più che dovuta in uno smartphone di queste dimensioni. HTC insiste poi con i suoi Ultrapixel, ai quali aggiunge uno stabilizzatore ottico d’immagine, perché giustamente il Note III non poteva essere lasciato solo in questo campo.

Nota finale: Key Lime Pie; un po’ una caduta di stile, se ce lo concedete. Della prossima major release di Android non si sa ancora nulla: in molti danno per scontato che la 4.3 sia Jelly Bean, ma abbiamo già imparato che con Google a dare le cose troppo per scontate spesso ci si sbaglia. Insomma: questo HTC T6(avevamo dimenticato di menzionarlo: T6 è il suo nome in codice, come M7 lo è stato per One) ha già le carte in regolare per essere un top di gamma di razza, e quale versione di Android ci sarà a bordo lo deciderà HTC al momento del rilascio. Con Android 4.2.2 la casa taiwanese non è stata rapidissima per adesso, quindi su quest’ultimo punto del “leak di @evleaks” glisseremo per adesso, in attesa di scoprire cosa c’è di vero nella parte precedente, e quando sarà presentato questo T6 (si parla di fine estate inizio autunno).

Immagini e ipotesi su Xiaomi Mi3: 5” FHD, Snapdragon 800 e batteria da 3.600 mAh, dal 16 agosto 250€

xiaomi-mi3-leak-hero

Per essere le prime foto trapelate non è che siano delle più chiare ed evidenti, dato che ci permettono giusto di scorgere di profilo e posteriormente il futuro Xiaomi Mi3, o almeno uno smartphone che pretende di essere lui; ma oltre alle immagini abbiamo anche tante ghiotte informazioni al riguardo (ovviamente nulla di ufficiale ed immutabile), quindi non ci lamenteremo più di tanto.

Partiamo quindi proprio dal retro dello smartphone, visibile qui sopra: il suo design è affine a quello del nuovo Mi2A, con una cornice quadrata per la fotocamera, al contrario di quella circolare presente su Mi2 e Mi2S. Questa dovrebbe avere un sensore da 13 megapixel, mentre la fotocamera anteriore dovrebbe spingersi fino a ben 5 megapixel. Ma veniamo al piatto forte.

Il display arriverà fino a 5 pollici, un record per Xiaomi, e sarà a risoluzione full HD; ad accompagnarlo troveremo il processore Qualcomm Snapdragon 800 con2 GB di RAM, e 32 GB di memoria interna, il tutto alimentato da una batteria da ben 3.600 mAh! E tanto per non farsi mancare proprio nulla, troviamo anche Wi-Fi dual band, NFC e audio di alta qualità. Se tutte queste specifiche, che non possiamo ancora prendere per ufficiali, saranno confermate, Xiaomi avrà realizzato l’ennesimo dream-phone a prezzo stracciato.

A proposito di quest’ultimo, le voci in merito parlano di soli 1.999 yuan: circa 250€al cambio attuale, con un lancio previsto per il 16 agosto prossimo, in anticipo quindi su eventuali concorrenti con lo stesso SoC. Inutile aggiungere che terremo d’occhio la situazione e vi faremo sapere eventuali novità.

 

 

  • Categorie

  • Pubblicità

  • Top Categorie

    • Selezione categoria
Torna all'inizio