Articoli con tag navbar

Il PIE control arriva anche su CyanogenMod 10.1!

pie cm

Il termine “PIE control” dovrebbe ormai suonarvi piuttosto familiare. Se così non fosse, vi basterà uno sguardo all’immagine qui a fianco per capire di cosa si tratti: è un sistema di controllo con tasti virtuali a schermo a scomparsa, disposti in forma circolare “a torta” (pie); in poche parole è un modo molto pratico per liberarsi della navbar sui dispositivi Nexus e affini.

Introdotto da Paranoid Android un paio di mesi fa, si tratta di una funzione richiesta a gran voce anche a CyanogenMod, che questa notte ha annunciato che sarà integrata già nel prossimo set di nightly della CM 10.1.

L’uomo da ringraziare in questo caso porta il nome di Jens Doll, che ha completamente riscritto il codice necessario e l’ha integrato nell’interfaccia di CM, aggiungendo anche qualche nuova funzione, e altre ancora sono attese nelle future release.

Si tratta insomma di un’ottima notizia per tutti gli amanti del “desktop esteso”, che vogliano sfruttare a pieno tutta l’area a disposizione sullo schermo senza occuparla con navbar o bande nere di sorta, e dopo la recente aggiunta dellapersonalizzazione del menu ad anello di Google Now grazie all’AOKP, la CyanogenMod acquista un’altra celebre funzione di un’altra celebre ROM, diventando sempre più completa e funzionale. Chapeau!

Paranoid Android: prosegue lo sviluppo di PIE con tanti aggiustamenti

PIE

Ad un solo giorno dall’annuncio della release candidate di Paranoid Android 3, torniamo a parlare di PIE, il nuovo sistema di navigazione della ROM che consente di fare a meno della navbar fissa in basso allo schermo, sostituendola con una a forma di semicerchio che potremo richiamare da qualunque lato del telefono. Ci sono infatti già delle novità in vista, che andiamo a riassumere:

  • Nuovo sistema di riposizionamento, che evita di spostare per sbaglio PIE da un lato all’altro e semplifica la navigazione nei pannelli aperti
  • PIE può mostrare il contenuto centrato o dove si trova il dito (non mostrato nel video qui sotto)
  • L’animazione dei pannelli è più veloce, tutti i pannelli ora scivolano sotto le dita e sono centrati
  • Le animazioni sono state messe a punto
  • (Nexus 4) Nuovi valori per la luminosità automatica (quelli originali di LG, più luminosi di quelli di Google, ma non troppo)

Non si tratta di  modifiche del tutto completate, pertanto non sono già state inserite nel codice della ROM, ma lo saranno comunque in tempi brevi e intanto potete farvene un’idea con il breve video che vi lasciamo.

 

Matias Duarte risponde alle domande degli utenti su Google+: perché interfaccia uguale e assenza di SD?

Fedele al nuovo slogan “Nexus: Ask Me Anything“, Matias Duarte si è recato su Google+ chiedendo agli utenti “cosa volete sapere?”. Inutile dire che si è scatenato un vero e proprio vespaio con oltre 160 commenti e la cosa sta attualmente proseguendo. Finora però il buon Matias ha risposto a soli due quesiti: perché avete reso i pulsanti di sistema e la status bar uguali attraverso tutti i dispositivi in Jelly Bean? e perché i Nexus non hanno una scheda SD? Vediamo dunque queste iniziali risposte, promettendo però di aggiornarvi qualora ne emergessero altre.

 

Perché avete reso i pulsanti di sistema e la status bar uguali attraverso tutti i dispositivi in Jelly Bean?

Consistenza ed usabilità sono molto importanti per noi, ed è qualcosa che cerchiamo costantemente di migliorare in ogni nuova versione di Android. Con Honeycomb abbiamo inizialmente introdotto l’idea di una UI navigabile completamente a schermo (cioè senza tasti fisici, NdR) che ci ha concesso una flessibilità senza precedenti in come la UI si adatta e si trasforma – sia girando il dispositivo in mano sia quando il software cambia ed ha bisogno di diversi tipi di controllo. Ora in Jelly Bean abbiamo reso i pulsanti di navigazione software universali e la system bar consistenti indipendentemente dalla dimensione dello schermo.

Questa nuova configurazione è basata su una ricerca di usabilità che abbiamo fatto attraverso tutti i differenti form factor e le dimensioni degli schermi sui quali gira AndroidCiò che importava di più era tenere i pulsanti laddove la gente si aspettava di trovarli, non importa in che posizione stesse tenendo il dispositivo.

I telefoni sono quasi sempre usati in modalità portrait, ruotati solo occasionalmente, e ruotati al contrario. Via via che le dimensioni dello schermo si allargano però, va bene qualunque posizione. Immaginate la frustrazione che percepireste se ogni volta che sollevate un tablet dal tavolo ‘nel modo sbagliato’ vi trovaste a cercare un pulsante home che non fosse dove lo vorreste? Quella irritazione crescerebbe col passare del tempo come un granello di sabbia nelle scarpe e minerebbe il resto della vostra esperienza.

La barra di sistema di Jelly Bean tiene sempre gli stessi 3 pulsanti dove vi aspettate di averli. Questo succede dinamicamente per ogni dimensione dello schermo, fintanto che non arriverete a schermi piccoli dove mettere le barre in modalità landscape lascerebbe troppo poco spazio verticale.

La seconda cosa che abbiamo scoperto è che ci sono almeno tanti modi diversi di tenere un dispositivo quante sono le persone che lo usano. Infatti la gente ama usare i propri Nexus così tanto che che li usano per periodi di tempo talmente lunghi che avere una singola ‘presa corretta’ è in realtà contro produttivo ed aumenta lo sforzo sulle mani. I pulsanti di navigazione di Jelly Bean navigation funzionano altrettanto bene per mancini e destrorsi, per l’uso con una sola mano, o con due mani, e sia che stiate portando in mano il dispositivi, che siate fermi in ginocchio, o che lo appoggiate su un tavolo.

Ultima ma non meno importante, unificando il design siamo in grado di mettere le notifiche e i quick settings proprio dove dovrebbero essere, sempre a portata di swipe.

Perché i Nexus non hanno una scheda SD?

Tutti amano l’idea di avere una scheda SD, ma in realtà crea solo confusione negli utenti.

Se state salvando foto, video o musica, dove va? È nel telefono? O nella scheda? Dovrebbe esserci un’impostazione adeguata? Una richiesta ogni volta? Cosa succede alla user experience quando si estrae la scheda? È semplicemente troppo complicato.

Abbiamo scelto un approccio differente. Il vostro Nexus ha un ammontare fisso di spazio e le vostre app lo utilizzano in maniera del tutto trasparente per voi senza che vi dobbiate mai preoccupare di file o volumi o qualsiasi altro nonsense tecnologico risalente all’era informatica del paleolitico.

Con un Nexus sapete esattamente quanta memoria avrete e potrete decidere qual è la dimensione che fa per voi. È semplice ed ottimo per gli utenti.

La NavBar può essere nascosta nelle ultime nighlty di CM 10

Dopo aver parlato del team Kang ecco anche un piccolo flash sulle novità di CyanogenMod 10, che nella sua ultima nightly ha aggiunto una funzione che farà molto piacere ai proprietari di un Galaxy Nexus o Nexus 7, che potranno ora far sparire la NavBar e la barra superiore dei loro dispositivi, in modo da poter ad esempio giocare davvero a tutto schermo.

Si tratta di una opzione che era già possibile ottenere tramite terze parti, ma che adesso sarà integrata nella ROM principale, rendendola davvero semplice e alla portata di tutti.

Per attivare “l’expanded desktop” vi basterà premere a lungo il pulsante di accensione e selezionare l’omonima voce dal menu. Dovreste trovare già tutto pronto nella nightly di oggi, che potrete procurarvi come sempre su get.cm o conl’auto-updater di CM 10.

  • Categorie

  • Pubblicità

  • Top Categorie

    • Selezione categoria
Torna all'inizio