Articoli con tag ingiunzione

Apple perde una chance per un nuovo ban su Galaxy Nexus

Apple Galaxy Nexus

La scorsa estate Apple era riuscita ad ottenere la messa al bando del Galaxy Nexus, poi revocato poco tempo dopo. La casa di Cupertino aveva però richiesto di riconsiderare la cosa, ma stando alle ultime informazioni in merito la corte d’appello avrebbe rifiutato tale pretesa, che per la verità raramente viene accolta in casi analoghi.

L’oggetto del contendere, se ben ricordate, è un brevetto in materia di ricerche. Per avvalorare l’ingiunzione però, Apple avrebbe dovuto dimostrare chetale funzione è talmente importante per il Galaxy Nexus da spingere i consumatori ad acquistarlo, il che è piuttosto difficile da dimostrare, considerando anche la varietà di funzioni a disposizione dello smartphone. In ogni caso gli avvocati di Cupertino potrebbero sempre appellarsi alla Corte Suprema, sebbene questo non aumenti le probabilità di successo, ma casomai dimostrerebbe solo la tenacia della mela morsicata.

Negato ad Apple un ban permanente sui prodotti Samsung, ma i coreani mollano le loro cause in Europa

appledien3d05

Ennesimo capitolo del poema epico Apple Vs Samsung, che vede da una parte un’importante vittoria per i coreani, che al contempo lasciano però cadere tutte le pretese di ingiunzione sui modelli della mela in Europa. Ma andiamo con ordine.

Il giudice Lucy Koh, (sempre lei) ha infatti respinto una richiesta di messa al bando di diversi dispositivi Samsung, motivando la decisione col fatto che Apple non è riuscita a dimostrare che sono stati proprio i brevetti infranti dai coreani a consentire loro di erodere quote di mercato a Cupertino.

Non ci sono indicazioni che Samsung spazzerà via la base di clientela di Apple o che butterà fuori Apple dal business degli smartphone. Il presente caso riguarda le vendite perse — non la perdita dell’abilità di essere un componente vitale del mercato. Non è un caso in cui le invenzioni brevettate siano essenziali per i prodotti che li violano.

Samsung non ha però gongolato per questa vittoria, e ha invece annunciato di aver ritirato le proprie richieste di ingiunzione contro i prodotti Apple in Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Olanda:

Samsung rimane impegnata a licenziare le proprie tecnologie sulla base di termini imparziali, ragionevoli e non discriminatori, e siamo profondamente convinti che sia meglio quando le aziende competono a viso aperto nel mercato, piuttosto che nella corte. Secondo questo spirito, Samsung ha deciso di ritirare le proprie richieste di ingiunzione contro Apple sulla base dei nostri brevetti essenziali depositati nelle corti europee, nell’interesse di proteggere la libertà di scelta del consumatore.

A Natale insomma, Samsung è davvero più buona. O quantomeno finge di esserlo.

Apple ha chiesto personalmente ai rivenditori di bloccare Galaxy Nexus e Galaxy Tab 10.1

Se la fonte di questa notizia non fosse più che autorevole molto probabilmente non l’avremmo mai riportata, perché sembra fatta apposta per sobillare il pubblico contro un’azienda rivale, anche se forse in questo caso Apple se l’è un po’ andata a cercare.

Come riportato da FOSS Patents infatti, l’azienda di Cupertino ha usato una tattica piuttosto aggressiva ultimamente, scrivendo personalmente a vari rivenditori tra fine giugno/inizio luglio, prima che fosse emessa l’ingiunzione contro il Galaxy Nexus, e chiedendo loro di cessare le vendite sia del google-fonino che dell’ormai acciaccato (dalle molte cause) Galaxy Tab 10.1.

L’ingiunzione si applica non solo ai prodotti di Samsung citati, ma anche a chiunque ‘agisca in accordo’ con essi. Apple crede quindi che l’ordine riguardi anche voi. […] Dovete obbedire all’ordinanza cessando immediatamente di avere a che fare con qualunque degli specificati atti (es., importando, offrendo di vendere, o vendendo all’interno degli Stati Uniti) in connessione con il tablet Galaxy Tab e qualsiasi prodotto che non sia ben più che differente da esso.

Inutile dire che Samsung non concorda affatto né con i modi né con i termini, affermando che ai rivenditori dovrebbe essere concesso di vendere il loro stock pre-esistente anche senza una sospensione.

In effetti in molti sembrano concordare con l’azienda coreana, quantomeno all’atto pratico, non avendo accondisceso alle pretese di Apple.

Qui di seguito i documenti pubblicati da FOSS Patents.

Apple Letter to Retailers (Samsung Court Filing)

Sospeso temporaneamente il ban negli USA per il Galaxy Nexus e annullato quello sul Galaxy Tab 10.1

Android 4.1 su Galaxy Nexus

Si sta facendo un po’ intricata la vicenda dell’ingiunzione (temporanea) ottenuta da Apple nei confronti del Galaxy Nexus, dato che essa è stata da poco (temporaneamente) sospesa. A parte l’evidente caso di “inception” giuridica, in realtà cambia ben poco, dato che Google aveva già rimosso lo smartphone dal Play Store. 

La decisione della corte di annullare o confermare il ban per il resto del processo dipende in parte dalle prove che Apple sarà in grado di presentare, ma in ogni caso Google dovrebbe essere in grado di aggirare il problema via software e il ritorno sulle scene del Galaxy Nexus è atteso per la prossima settimana assieme a Jelly Bean.

A margine di questo segnaliamo anche buone notizie per il Galaxy Tab 10.1, che vede declinata l’ingiunzione preliminare che pendeva su di lui; speriamo solo che anche per il Nexus le cose si risolvano altrettanto bene.

  • Categorie

  • Pubblicità

  • Top Categorie

    • Selezione categoria
Torna all'inizio