Dopo Apple, Samsung, Huawei ed LG, anche altri produttori intendono realizzarsi un proprio processore basato su architettura ARM. Secondo quanto riportato da DigiTimes, nei piani di ZTE, che ha iniziato con il suo Axon ad espandersi sul mercato statunitense, ci sarebbe anche la volontà di sviluppare un proprio chip.

A tal fine, il produttore ha ottenuto un finanziamento da parte del governo cinese che ha permesso al progetto di avere una notevole accelerazione. Oltre a ZTE, ci sarebbero in gioco anche Xiaomi e Lenovo.

Xiaomi ha siglato una partnership con la Leadcore Technology mentre fonti industriali affermano che anche Lenovo avrebbe iniziato lo sviluppo di un processore ARM. Ovviamente, la progettazione di un chip richiede tempo e risorse umane specializzate ma tutta questa concorrenza non può che giovare al mercato.