Archivio di ottobre, 2014

VLC si aggiorna preparandosi per Android 5.0 Lollipop e presto uscirà dalla beta

VLC-Android-

VLC, l’app che arrivò per Android già nel 2011 e ancora oggi non è uscita dalla beta, ha annunciato grandi novità: innanzitutto è stata rilasciata sul Play Store la versione 0.9.10 dell’app, che sarà l’ultima prima dell’arrivo della 1.0, la quale segnerà finalmente la fine del periodo beta.

Per quanto riguarda le novità abbiamo il supporto ad Android 5.0 per l’hardware decoding e ai processore ARMv8, un nuovo navigation drawer, la rimozione dell’avviso di beta e il mantenimento nella status quando i video sono in pausa.

 

Attendiamo dunque ora il rilascio della versione 1.0 sperando che finalmente VLC riesca a fare un deciso salto di qualità anche sul robottino verde.

Quali dispositivi saranno aggiornati ad Android 5.0 Lollipop?

Lollipop lecca-lecca originale

Ogni volta che arriva una nuova versione di Android, la domanda che tutti (o quasi) si pongono è sempre la stessa: il mio dispositivo sarà aggiornato? Adesso che Android 5.0 Lollipop è stato ufficialmente annunciato possiamo fare un po’ il punto della situazione in tal senso, senza lasciarci in fantasiose congetture della vigilia, ma basandoci anche sulle conferme ufficiali che già in queste poche ore sono arrivate da molte parti.

LEGGI ANCHE: Android 5.0 Lollipop: tutte le novità

Andiamo quindi con ordine procedendo per marchio anziché per modello o per una generica probabilità:

ASUS

ASUS non ha comunicato nulla di ufficiale, ma pensiamo che tutta la famiglia Zenfone verrà aggiornata ad Android Lollipop, seguita forse da un imprecisato numero di Padfone/Fonepad/MeMO Pad, ecc.

Google

Può sembrare banale ma dobbiamo considerare anche la casa madre, che ha confermato Lollipop suNexus 4, Nexus 5, Nexus 7 2012 e 2013, e Nexus 10.

HTC

HTC ha confermato l’aggiornamento ad Android 5.0 Lollipop per HTC One (M7) ed HTC One (M8), entro 90 giorni dalla pubblicazione del codice sorgente da parte di Google, il che ci proietta in pieno 2015. Confermati anche One mini 2 e One mini, sebbene senza date precise. Non ci sono ancora conferme per altri modelli della casa taiwanese, ma è facile pensare al nuovo Desire Eye, per non parlare dei modelli a 64-bit, in particolare Desire 820.

Huawei

Huawei non ha confermato nulla, ma è facile posizionare in prima linea Ascend Mate 7 ed Ascend P7. Più incerta, e comunque da rimandare al 2015 inoltrato, la sorte per gli altri modelli del produttore cinese.

LG

LG tace in materia al momento. Facile pensare ad un aggiornamento per LG G3 e G3 s, sebbene in tempi diversi, oltre che per la famiglia L Style 2014, o almeno per parte di essa. Nel mezzo ai due potrebbe collocarsi LG G2, ma fare ora previsioni sulla tempistica sarebbe un po’ troppo azzardato.

Motorola

Motorola ha prontamente confermato l’arrivo di Lollipop su tutta la sua gamma di “moto”: Moto G(2013, anche il modello LTE, e 2014), Moto X (2013 e 2014) ed anche sul piccolo Moto E. Nulla di cui lamentarsi quindi e conoscendo Motorola gli aggiornamenti arriveranno anche in tempi rapidi, probabilmente già da novembre / dicembre 2014.

NVIDIA

Shield Tablet sarà aggiornato ad Android Lollipop. Non ci sono conferme in merito alla precedente Shield Portable.

OnePlus

OnePlus One sarà aggiornato ad Android 5.0 entro tre mesi dal rilascio di Lollipop, come confermato da Cyanogen qualche mese fa. Non ci sono stati commenti dopo l’annuncio di Android 5.0, quindi diamo per scontato che nulla sia cambiato.

Samsung

Galaxy S5 e Note 4 sono in prima linea, ma, seppure con i suoi tempi, Samsung ha dimostrato di aggiornare pian piano anche modelli più vecchi, quindi includiamo con buona probabilità anche Galaxy S4Galaxy Note IIIGalaxy S5 mini. Arriveranno poi anche altri modelli, ma solo in seguito, quindi nel 2015 abbondantemente inoltrato, quindi avremo modo di riparlarne.

Sony

Sony aggiornerà tutta la famiglia Xperia Z, sia smartphone che tablet. Questo significa: Xperia Z, Xperia Z1, Xperia Z2, Xperia Z3, Xperia Z1 Compact, Xperia Z Ultra, Xperia Z3 Compact, Xperia Tablet Z, Xperia Z2 Tablet, Xperia Z3 Tablet Compact. I primi a ricevere l’aggiornamento, a partire dall’inizio del 2015, saranno i componenti della gamma Z3 e Z2; a seguire tutti gli altri.

Varie ed eventuali

Ci sono moltissimi altri produttori che probabilmente faranno uscire Android 5.0 Lollipop per alcuni loro modelli, ma è difficile elencarli tutti ora di preciso. Una menzione spetta ad Oppo, che però è appena passata a KitKat sui suoi top di gamma, quindi capirete benissimo che parliamo di tempi piuttosto larghi e ampiamente nel prossimo anno.

Anche Oppo sarebbe al lavoro su un visore VR da lanciare con N3

oppo-vr

Altro produttore, altro visore: è decisamente il periodo della realtà virtuale e, a giudicare dall’immagine pubblicata dall’account ufficiale su weibo, anche Oppo potrebbe lanciarsi nel mercato. Quel che si vede nello scatto qui in alto, infatti, è una dipendente che indossa un visore nel quale appare chiaramente il marchio dell’azienda cinese.

 

Secondo quanto trapelato in rete, il lancio del dispositivo potrebbe avvenire in contemporanea con quello di N3: proprio come ha fatto Samsung con il suo Gear VR associato a Galaxy Note 4, Oppo potrebbe entrare nel mercato della realtà virtuale con un’accoppiata di device lanciati insieme.

L’azienda cinese svelerà l’atteso successore di N1 il 29 ottobre: dovremo aspettare ancora qualche settimana per scoprire cosa bolle in pentola.

Ecco come funziona il backup di Android 5.0 Lollipop (foto)

Android 5.0 backup 1

Una delle funzionalità che abbiamo sempre sperato arrivasse su Android sembra essere stata finalmente aggiunta da Google: nella preview rilasciata stasera di Android 5.0 Lollipop avremo a disposizione uno strumento efficace per il backup e il ripristino.

Nella configurazione iniziale ci verrà chiesto se vogliamo ripristinare i nostri dati, come già precedentemente accadeva, ma il modo in cui ciò viene fatto è stato cambiato: si potrà semplicemente accoppiare i due dispositivi tramite NFC, dopo di che inizierà il trasferimento dei dati, oppure selezionare uno dei device presenti sul nostro account.

 

Non solo verranno installate le app (potrete anche scegliere quali ripristinare), ma anche i loro dati saranno copiati (se supportato dallo sviluppatore) oltre ai nostri account Google e alle impostazioni come le password per il Wi-Fi.

Di certo è un netto passo in avanti rispetto al passato, nel quale questa funzionalità di backup sembrava essere quasi fastidiosa visto il suo funzionamento non proprio eccelso. A seguire alcuni screenshot che mostrano il funzionamento del nuovo backup.

 

 

  • Categorie

  • Pubblicità

  • Top Categorie

    • Selezione categoria
Torna all'inizio