Archivio di 7 settembre 2014

Apple, indagini in corso per la violazione degli account VIP di iCloud

 

Secondo quanto riferito da Re/Code, Apple ha cominciato ad indagare attivamente sulla violazione di alcuni degli account VIP su iCloud, dai quali sono stati prelevati contenuti come foto e video di attrici di spicco di Hollywood e pubblicati in tutto il web.

“Prendiamo molto seriamente la privacy degli utenti e stiamo attivamente studiando questo rapporto”, ha detto la portavoce di Apple Natalie Kerris al noto sito informativo.

In questo pandemonio mediatico, contenuti veri si mescolano a fake ben architettati, inoltresono ormai diventati virali grazie a canali come Twitter, Reddit e molti altri , pertanto risvolti a livello legale non dovrebbero farsi attendere troppo.

Gli esperti di sicurezza affermano che i furti dagli account Cloud delle celebrità colpite, avrebbero potuto essere evitati se fosse stata attivata la verifica della password in due passaggi introdotta da Apple lo scorso anno. L’azienda californiana non ha ancora affermato nulla di definitivo su come sono stati effettuati gli attacchi, ma i ricercatori della società FireEye hanno esaminato gli elementi di prova emersi finora, confermando ancora una volta di come si sia trattato di un attacco piuttosto elementare. Quando è abilitata, l’ autenticazione in due passaggi richiede agli utenti di immettere un codice numerico che viene inviato al proprio cellulare o un altro dispositivo, oltre a utilizzare la propria password normale come da prassi. Dal momento che il numero cambia continuamente, questa protezione rende molto più difficile per gli aggressori l’accesso all’account, anche se dovessero riuscire ad entrare a conoscenza della password.

 

Pare quindi che sia stato utilizzato un classico hacking definito “A forza bruta” grazie al quale uno script tanta di indovinare la password tramite la generazione automatica, procedimento che consente di effettuare migliaia ditentativi in pochi secondi a seconda della macchina utilizzata.

E’ polemica sulla mancanza di un limite di tentativi nell’inserimento password, aspetto che Apple dovrebbe aver patchato nelle ultime ore inserendo un limite massimo di cinque errori nell’inserimento, ma che ha permesso l’utilizzo di una tecnologia software elementare per il furto dei contenuti. Seguiremo la vicenda e vi aggiorneremo con ulteriori dettagli in merito, non si tratta ovviamente della prima volta in cui celebrità subiscono questo tipo di attacco, celebre è l’episido risalente al 2005 in cui la vittima fu Paris Hilton.

Tim Cook parla del recente hack di iCloud, promettendo nuove misure di sicurezza

Tim Cook ha consesso un’intervista al The Wall Street Journal, ma nonostante l’avvicinarsi del grande evento del 9 settembre, non è stato quello l’argomento principale affrontato. Il CEO di Apple ha risposto alle domande inerenti il recente scandalo legato ad iCloud che ha portato ad inizio settimana alla pubblicazione di decine di foto di nudo di alcune celebrità di Hollywood.

Apple aveva già rilasciato una dichiarazione sulla questione, affermando che iCloud o altri servizi non erano stati violati, tali idee sono state ribadite da Cook nell’intervista, che ha inoltre promesso di aggiornare presto il sistema di sicurezza Apple con nuove caratteristiche di protezione

. Tra le novità, verranno introdotte le notifiche push in aggiunta all’invio di una mail, ogni qualvolta qualcuno tenti di reimpostare una password Apple, stessa dinamica anche per il ripristino dei dati iCloud e la registrazione di un nuovo dispositivo.

Cook ammette che Apple avrebbe potuto fare di più per rendere gli utenti consapevoli dei pericoli legati al furto di password, cercando di spingerli verso la creazione di password più sicure ed utilizzare maggiormente il processo di verifica a due fasi L’azienda californiana sta attualmente collaborando con le forze dell’ordine per risalire ai responsabili degli attacchi effettuati agli account iCloud violati, tra i nomi celebri ricordiamo Kate Upton e Jannifer Lawrence, l’attrice che interpreta Katniss Everdeen in “The Hunger Games”.

Zuckerberg: “WhatsApp può raggiungere i 2 miliardi di utenti”

 

Solo pochi giorni fa vi parlavamo di come WhatsApp abbia raggiunto la ragguardevole cifra di 600 milioni di utenti mensili attivi. Zuckerberg torna a parlare dell’applicazione nel corso di un recente evento tenutosi a Città del Messico, il quale ha visto il CEO di Facebook ospite di un importante appuntamento che ha trattato la tematica della diffusione dell’accesso a internet anche nelle realtà più disagiate.

Secondo Zuckerberg, WhatsApp si appresta a diventare la piattaforma di messaggistica più popolare e più diffusa al mondo e che il traguardo dei 2 miliardi di utenti attivi è realizzabile. In realtà, Zuckerberg, ha parlato di 2-3 miliardi di utenti, tuttavia anche l’aspettativa “più bassa” rappresenterebbe un risultato incredibile.

GamingPC presenta The Beast, PC con Intel Core-i7 5960X da 11000$

 

No, non è un errore; quello che leggete nel titolo è il prezzo di uno dei PC Gaming più costosi degli ultimi tempi, basato sulla nuova piattaforma hardware Intel Haswell-E. A proporre questo sistema, denominato “The Beast“, è la canadese GamingPC che forse non è la prima a offrire un prodotto del genere, ma di sicuro tra le più audaci.

Ovviamente si tratta di un PC customizzable, un sistema che ha tra le sue “basi” 4 componenti che non lasciano spazio ad equivoci:

Intel Core i7-5960X – 4,4 GHz, ASUS Rampage V Extreme X99, 64GB di Memoria DDR4 G.Skill e Quad-SLI di Nvidia GeForce GTX Titan Black targate EVGA.

Un sistema gaming che non avrà alcun problema a far “girare” giochi in 4K e oltre e che nella sua variante più costosa può superare la cifra di 11461 dollari; a seguire la configurazione hardware in dettaglio, a questo link la pagina ufficiale dell’azienda.

 

  • Processor: Intel Core I7-5960X Eight Core 20MB Hyperthreading 4.4GHz
  • Motherboard: ASUS Rampage V Extreme X99
  • Memory: G.skill G.SKILL Ripjaws DDR 4 series 64GB (8 x 8GB)
  • Primary Hard Drive: Crucial M550 SATA 1TB Solid State Drive SSD
  • Secondary Hard Drive: 2x Western Digital Black 4TB (8TB Total)
  • Video Card: 4x EVGA GeForce GTX Titan Black QUAD SLI
  • Audio Card: Creative Labs Sound Blaster Z
  • Drives: LG WH16NS40 16X Blu Ray Writer – 16x DVD Writer
  • Secondary Drive: I don’t want one
  • Power Supply: Silverstone Strider ST1500 1500W Power Supply
  • Case: Corsair Obsidian 750D
  • Cooling: Custom Professional grade with videocards Water Cooling (Quad-SLI)
  • Operating System: Windows 8.1 Pro 64 Bit English
  • Overclock: Overclocked Speed 4.4 GHz
  • Wireless Network Card: I don’t want one
  • Warranty: 1 Year Warranty

  • Categorie

  • Pubblicità

  • Top Categorie

    • Selezione categoria
Torna all'inizio